giovedì 10 luglio 2008

Mi aspetta una lunga settimana di residenziale

Ciao cari tutti!
Dopo epoche siderali, torno su questo schermo. ormai vado avanti pensando alle vacanze (oltre che ovviamente ai soldi che non ho/mi devono) (ed è sempre un'altra storia, sempre la stessa), anche mentre lavoro. Si vede che mi ero abituata al tenore della disoccupazione e ora lavorare mi stanca troppo.
Comunque mi vergogno un casino di chiedere soldi ai miei genitori, ma non ne ho proprio più..
Devo pagare l'affitto di MAGGIO e non trovo la O-key di Sanpaolo!

Il teatro a scuola coi bambini procede, anche se domani sarà il mio ultimo incontro prima della settimana in cui metteremo in scena ciò che abbiamo preparato. Io settimana prossima sarò a Brusson, in Val d'Aosta, a seguire il modulo di "Scrittura Scenica".
Perciò, caro Dubbafetta, il laboratorio del martedì non ci sarà. Ho come l'impressione che ci incontremo ancora (noi del lab, intendo) solo due volte. Se in quelle due volte potrai esserci, ti aspetto.
L'ho pensato in modo che non ci fosse vincolo di subordinazione!! Anche se ovviamente , bisognerebbe avere molte più date per imparare bene qualcosa. Purtroppo arriva Agosto e la gens parte.

Domanda: ma voi guardate mai la gente in Metropolitana? Cosa stanno guardando? Io spesso osservo qualcuno che guarda un altro, che legge/parla/pensa. E poi vedo me guardare il primo. Allora vedo una catena di sguardi non ricambiati.
E' una fissa! Lo faccio tutte le volte, ma non apposta. Mi parte sempre questo pensiero!

Vi auguro una buona settimana a venire! Io sono contenta di staccare un po' dal Centro Estivo e dai mille impegni che ho, e respirare un po' di tempo per me.
Ciaoo

3 commenti:

DUBBAFETTA ha detto...

Prima di tutto grazie per avermi scritto direttamente su un post, è bello e ne sono contento, ho paura di avere fatto richieste prima di interpellare il mio poco tempo a disposizione, comunque grazie.
Anche io osservo la gente, spesso mi accorgo di arrivare a sfiorare la linea dell'invadenza di spazio visivo, di essere preso quasi per un pazzoide da metropolitana, anche se in effetti il luogo che mi da piu' stimoli è la strada, le persone sono un filo piu' libere di movimenti, non costrette spalla contro spalle, è nella strada e nel loro camminare o stare fermi o aspettare che ci sono milioni di milioni di atteggiamenti, mi piace anche immaginare come mi vedono loro, ma spesso non mi guardano abbastanza dentro di come tento di guardarli io

luce ha detto...

Io invece adoro osservare i bambini, le loro espressioni, i loro gesti ed il bello è che speso loro ricambiano i miei sguardi perché non esistono bambini indifferenti, solo gli adulti lo sono.

DUBBAFETTA ha detto...

uffi torni?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...